• CONDIVIDI SU :

    Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Polpettine di manioca

polpettine di manioca farcite2

Finalmente è arrivato il fine settimana e insieme a lui pure un po di fresco e pioggia.

Per questo sabato vi propongo le Polpettine di manioca

Queste polpettine sono facilissime da fare e sono de-li.zi.o .se!!!

Potete farcirle con qualsiasi formaggio a voi gradito, basta che non sia troppo acquoso e vengono benissimo anche farcite con un buon ragù di vitello.

Io ho farcito alcune con la mozzarella,altre con del formaggio brie e  su altre ho soltanto aggiunto del pecorino romano all impasto e non le ho farcite.

Anche con il gorgonzola vengono ottime! 😉

polpettine di manioca farcite 7

ripiene con mozzarella

 

le polpettine di manioca sono un finger food molto popolare in Brasile e di solito non mancano mai nei menu dei bar . In Brasile di solito vengono servite con una birra ghiacciata e anche quelle farcite con il ragù sono apprezzatissime dai brasiliani

polpettine di manioca farcite 6

con l’aggiunta di pecorino nell’impasto

Io le ho preparate la sera, dopo mezza notte ( mi piace cucinare la sera) e le ho tenute in frigo fino al mattino seguente.

Verso l’ora di pranzo le ho impanate e fritte. Mi sono accorta che se prima di fare le palline lasciate riposare l’impasto in frigo per circa 2 o 3 ore, le palline sono molto più facili da modellare e vengono meglio.

Dopo averle fatte, lasciatele in frigo per 1 oretta oppure 15/ 20 minuti in freezer e poi le friggete.

Provatele e fatemi sapere! Qui a casa vanno a ruba.

manioca

Questa è la manioca. In italia si trova facilmente dai fruttivendoli ben forniti

 

 

La canzone di oggi è di “Gino e geno”, questo tipo di musica in Brasile si chiama “Sertanejo” ed è tipica della mia regione. A Minas Gerais “la samba” è una sconosciuta hihi 🙂

 

Polpettine di manioca,finger food brasiliano
 
AUTORE:
INGREDIENTI
  • 800 grammi di manioca lessa e schiacchiata
  • 3 cucchiai colmi di farina 00
  • 4 cucchiai di parmigiano
  • Per la panatura
  • Latte e pangrattato q.b
PROCEDIMENTO
  1. Sbucciare la manioca. tagliarla a pezzi grossolani e lavarla sotto l'acqua corrente.
  2. mettere i pezzi di manioca dentro alla pentola a pressione, coprirle con dell'acqua , chiudere e cuocere per circa 20 . Lasciarle dentro alla pentola e toglierle solo quando tutta la pressione è uscita in modo naturale.
  3. Togliere i filamenti fibrosi della manioca e metterle su un piatto. Schiacciare bene con una forchetta. fate questo mentre la manioca è ancora tiepidina
  4. Su una padella antiaderente, sciogliere due cucchiai di burro, aggiungere la farina e mescolare. Aggiungere la manioca, condire con un pizzico generoso di sale e mescolare per incorporare il tutto. Unavolta che la pasta è liscia ed omogenea, spegnere la fiamma e aggiungere il parmigiano. Mescolare bene e farla raffreddare in frigo coperta con della pellicola per circa un oretta.
  5. ungere le mani con un pezzettino di burro e con un cucchiaino prelevare piccole quantità di impasto. Mettere l'impasto sul palmo della mano, fare una pallina, schiacchiare il centro per formare il buco e aggiungere un pezzettino di formaggio. chiudere bene.
  6. mettere le polpettina sopra d un pezzo di carta forno unto con del burro o sopra un vassoio unto e farle indurrire un po in frigo.
  7. Impanare le polpettine, prima passandole nel latte e in seguito nel pangrattato.
  8. Friggere in abbondante olio di mais
Notes
Le polpettine di manioca o in portoghese bolinhos de mandioca, non devono essere molto grandi, l'ideale è che siano poco piu grandi di un oliva ascolana. Se li fatte con il ragu, allora potete anche aumentare le dimensioni delle palline

Volendo potete dividere l'impasto in due parti e aggiungere del pecorino romano in una parte come ho fatto e avrete delle polpettina saporitissime.

Fonte: Video youtube di Art cook Catia
ISCRIVITI
Ricevi GRATIS  le ricette per e-mail . In esclusiva per te, un  email a settimana con l'elenco di tutte le ricette pubblicate e molto altro ancora!
We respect your privacy.
Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe:  

  • Categorie